06 Novembre 2023

MONZA – Operazione della compagnia dei carabinieri in tutta la provincia e anche nel varesotto con un’ordinanza applicativa della misura cautelare nei confronti di 8 persone indagate a vario titolo in concorso per estorsione tentata, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. L’indagine è stata coordinata dalla Procura di Monza ed è scattata al termine di una denuncia sporta da un cittadino ucraino 29enne nei confronti di un gruppo di albanesi che lo accusavano del furto di una partita di droga.

La banda, per costringerlo a pagare 15mila euro quale risarcimento, l’hanno aggredito a colpi di bastone provocandogli un trauma cranico. Le forze dell’ordine hanno identificato gli autori del pestaggio, nonché scoperto una fitta rete di spacciatori attiva nelle province di Como e Monza, in grado di immettere sul mercato grossi quantitativi di cocaina (anche 10 chili alla volta). Sono state ricostruiti vari episodi di spaccio al minuto che avvenivano con consegna a domicilio oppure tramite appuntamenti concordati. E sono stati individuati due depositi utilizzati per nascondere la droga, fra i quali un condominio di Monza, dove erano stati depositati 6 etti di cocaina, e un appartamento a Seveso, dove due fratelli custodivano 16 chili di cocaina e 9 etti di hashish, oltre a migliaia di euro. Sei arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale e due sottoposti ai domiciliari