16 Luglio 2019

«Sono felice di contribuire alla crescita di quest’ente che si impegna per lo sviluppo sociale, etico e civile della popolazione metropolitana e che rende accessibile e gratuito a tutti i cittadini questo patrimonio di verde e di sport che è da tanti anni sul territorio», con queste parole la professoressa Paola Guerra, fondatrice e direttrice del Centro Studi della Scuola Internazionale Etica & Sicurezza, si presenta come nuovo componente del consiglio di amministrazione dell’istituzione Idroscalo di Milano. «Mi impegno da sempre per rendere i luoghi e le persone più sicuri e sono felice di potermi dedicare anche a questo nuovo fronte che valorizza il benessere delle persone stimolando la socializzazione e la qualità del tempo libero e dello sport». L’obiettivo del suo mandato sarà quello di assicurare la valorizzazione e la fruizione dell’ente per scopi sociali, ricreativi, sportivi e culturali, con un occhio particolare alla promozione del compendio dell’Idroscalo attraverso il suo sviluppo e al garantire alle generazioni future l’accesso al patrimonio pubblico del sito attraverso corrette politiche di conservazione. «Sono cresciuta a Peschiera Borromeo e sono particolarmente affezionata a questo piccolo comune della provincia di Milano che si affaccia sulle rive dell’Idroscalo», dichiara la dottoressa. «Credo che quest’istituzione sia uno dei fiori all’occhiello di Milano, una città che negli ultimi anni ha saputo investire su se stessa, sui suoi cittadini e sul suo territorio per migliorare la qualità della vita e del lavoro delle persone». Con alle spalle una carriera pluridecennale nell’ambito della ricerca, della docenza e della consulenza aziendale sui temi del risk and crisis management, Guerra sembra essere la persona perfetta per un ruolo che dovrà confrontarsi sempre più spesso con le nuove frontiere della sicurezza, dell’analisi dei dati e del contenimento dei rischi ambientali, e la sua esperienza presso il centro di studi e formazione manageriale de L’Aquila, in Abruzzo, dove ha sede la scuola da lei fondata, ne è la prova tangibile.



Scarica il PDF dell'edizione 26-2019 (13.8 MB)