01 Dicembre 2017

Dopo circa due ore di inseguimento a piedi nei campi i due pusher sono riusciti a far perdere le loro tracce, ma hanno dovuto abbandonare un involucro (probabilmente per non farsi trovare con in mano il “corpo del reato” in caso di cattura) contenente un etto e 400 grammi di cocaina, oltre ad altro materiale atto alla preparazione e vendita della sostanza, rinvenuto dagli agenti della polizia locale e posto sotto sequestro. L’operazione antidroga, certamente non la prima dei ghisa peschieresi, è stata effettuata la scorsa settimana, grazie a una segnalazione di una possibile attività di spaccio in una piazzola della Paullese in direzione Crema. Due pattuglie dei vigili si sono portate sul posto per gli accertamenti del caso. Alla vista delle auto dei ghisa, due pusher si sono dati alla fuga nelle campagne limitrofe, mentre è stato fermato un ragazzo che stava per acquistare qualche dose di cocaina. Gli agenti hanno comunque deciso di inseguire gli spacciatori, dando vita a una vera e propria caccia all’uomo. Per oltre due ore i vigili, supportati anche da personale in borghese con un’autovettura civetta e dai colleghi di Mediglia, hanno setacciato prati e campi della zona, cercando di fare terra bruciata intorno ai fuggiaschi. Ed effettivamente i due pusher devono aver sentito il fiato sul collo, tant’è che hanno deciso di abbandonare la droga, per loro un danno economico non indifferente. Una volta rinvenuto l’involucro si è deciso di fermare la ricerca dei due malviventi. È stato redatto un verbale dell’operazione, trasmesso alla procura con tanto di denuncia verso ignoti. Anche l’amministrazione comunale ha voluto esprimere il proprio ringraziamento alla polizia locale per il loro impegno quotidiano, svolto per salvaguardare il territorio e la sicurezza dei cittadini.



Scarica il PDF dell'edizione 37-2017 (10.9 MB)