08 Febbraio 2024

La prevenzione e il contrasto dei crimini informatici sui sistemi informativi sensibili è sempre più una priorità. È partendo da questo presupposto che è nata una collaborazione tra le forze dell’ordine ed Esselunga. È stato, infatti, firmato un Protocollo d’intesa tra il Centro Operativo per la Sicurezza Cibernetica per la Lombardia, diretto dal Primo Dirigente della polizia di Stato Tiziana Liguori, e  la nota catena dei supermercati, rappresentata dal presidente Marina Caprotti, alla presenza del questore Giuseppe Petronzi. L’obiettivo è quello di incrociare informazioni e indicatori di vulnerabilità cyber al fine di prevenire e contrastare attacchi o danneggiamenti alle infrastrutture informatiche della società operante nella grande distribuzione organizzata.
Nell’accordo è anche prevista l’organizzazione di appositi momenti formativi a cura degli specialisti della polizia, volti a innalzare la consapevolezza dei rischi connessi all’utilizzo degli strumenti informatici tra i dipendenti della società. «Questo accordo conferma e rafforza la sinergia tra pubblico e privato a beneficio della comunità» ha commentato Caprotti «Il Protocollo si inserisce in un più ampio percorso che Esselunga ha avviato da tempo volto a rendere sempre più sicuri i nostri sistemi informatici per salvaguardare dati e informazioni della nostra azienda, delle nostre persone e dei nostri clienti, la cui tutela è per noi un obiettivo costante e prioritario».