13 Luglio 2018

Sui cambiamenti dei requisti per essere ammesso al Rei (Reddito di inclusione), in vigore  dagli inizi di giugno, l’ammnistrazione comunale di Pioltello ha deciso di fare un po’ di chiarezza. Innanzitutto sono venute meno alcune prerogative legate alla composizione del nucleo familiare come la presenza di almeno un minore, una donna in stato di gravidanza, un disoccupato over 55 o un disabile. La conseguenza è che si va ad allargare la  fascia dei potenziali beneficiari, che raddoppia raggiungendo quasi 2 milioni e mezzo, circa la metà degli italiani che l’Istat ha certificato in stato di povertà. «Accogliamo con favore l’ampliamento della Rei introdotta nelle legge di Bilancio dallo scorso governo» ha affermato l’assessore ai Servizi Sociali Antonella Busetto. «Già con i requisiti precedenti avevamo ricevuto quasi 400 domande, a dimostrazione della necessità di un intervento di questo tipo. Adesso invece, considerato anche che il provvedimento prevede di recuperare le istanze che prima non avevano i requisiti e considerarle alla luce delle novità introdotte a giugno, il numero sarà destinato a salire in modo significativo». Il Reddito di inclusione si compone di due parti. La prima consiste in una carta di pagamento elettronica, di importo mensile per un massimo di 539,82 euro, variabile in base al reddito e alla composizione del nucleo familiare, la seconda, invece, è un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa obbligatorio. Il nucleo famigliare che volesse accedere al Rei deve avere un Isee che non superi i 6mila euro, la soglia Isre sotto i 3mila euro, quella immobiliare (esclusa la prima abitazione) inferiore ai 20mila euro, mentre i conti correnti, depositi, e così via, non devono essere andare oltre i 10mila euro. Questa soglia si abbassa a 8mila euro nel caso in cui la famiglia in questione sia costituita da 2 componenti e a 6mila per chi è da solo. Chi volesse avere ulteriori informazioni sui requisiti o volesse inoltrare domanda, deve rivolgersi in Comune il lunedì, dalle ore 9.30 alle 12.



Scarica il PDF dell'edizione 26-2018 (11.7 MB)