04 Settembre 2023

È stata un’estate i cui continui nubifragi hanno messo a dura prova l’impegno della protezione civile, degli uffici comunali e soprattutto del verde cittadino. E proprio quest’ultimo aspetto ha portato il sindaco Ivonne Cosciotti a compiere una riflessione e fare il punto della situazione. “Sono davvero tante le piante cadute” commenta il primo cittadino. “Fortunatamente non ci sono state vittime ma il pericolo è stato grande e purtroppo abbiamo dovuto valutare di abbattere alcune essenze anche importanti. Anche solo dei rami erano grandi come un albero e la radicazione al terreno dava preoccupazione sia per la tipologia del suolo su cui poggiavano che per la posizione stessa in cui si era sviluppata la pianta”.

Cosciotti ricorda poi che in questi anni sono stati messi a dimora circa 10.000 alberi per una media di 200 all’anno. “Come amministrazione  li abbiamo posizionati nei parchi, nei viali, nei cimiteri perché crediamo che le isole di verde siano la risposta al caldo torrido che ormai ci attanaglia da alcuni anni” prosegue il sindaco. “Circa 8.000 sono stati piantati tramite l’iniziativa Forestami che vedrà un nuovo bosco crescere a Rugacesio. Per cercare di scongiurare il più possibile pericoli futuri, chiedo anche ai privati e agli amministratori dei condomini di verificare la tenuta delle loro essenze. La gestione dell’ambiente e del verde va sempre più programmata in relazione al clima che sta cambiando. Noi adulti dobbiamo ripensare le nostre politiche climatiche e combattere l’inquinamento, non solo perché i giovani e i ragazzi ce lo chiedono con insistenza con i loro Fridays for Future di Greta Thunberg, ma anche perché ci vuole una consapevolezza e una razionalità diversa, con competenze multiple che sappiano unire la gestione del verde futuro e la pericolosità di alcune scelte passate”.