19 Aprile 2021

È stato il mittente “Harry Potter” a insospettire gli agenti di polizia in servizio all’aeroporto di Linate. E così quel pacco, proveniente da Stoccarda, è stato aperto permettendo così di sequestrare mezzo chilo di anfetamine e 200 pasticche di ecstasy e arrestare un 19enne milanese incensurato a cui la partita di droga era destinata. Le manette sono scattate grazie a una trappola architettata dalle forze dell’ordine. Il pacco, infatti, è stato ugualmente consegnato nel punto in cui sarebbe dovuto essere ritirato, solamente che all’interno era stato inserito anche un dispositivo Gps, per essere sicuri di non perderne mai il controllo. E il tranello ha funzionato alla perfezione. Un ragazzo si è presentato per ritirare il pacco e la polizia l’ha seguito fin sotto casa sua, a Milano. A quel punto gli agenti hanno deciso di entrare in azione. A nulla è servito il suo tentativo di darsi alla fuga. Durante la perquisizione nella sua abitazione sono stati rinvenuti anche due telefonini che saranno analizzati dalla postale nel tentativo di risalire a eventuali altre persone che potrebbero essere legate all’affare, visto l’ingente quantitativo di droga.