10 Novembre 2017

Dopo Milano, Roma, Mantova, Lucca, e molte altre città d’Italia finalmente arriva anche a Segrate BNI. Di cosa si tratta? Semplice, è l’acronimo di Business Network International,  ed è la più grande organizzazione internazionale, che ad oggi conta più di 220mila iscritti in tutto il mondo (di cui ormai quasi 7mila in Italia), in grado di dare l’opportunità a professionisti, imprenditori e artigiani di unirsi per creare una serie di nuovi contatti, nuove possibilità di sviluppare affari.
Un’organizzazione che è nata 32 anni fa, precisamente nel 1985, consente di non essere più soli nella giungla lavorativa, bensì unirsi in squadra perchè insieme si è più forti e vincenti. Una realtà costantemente in crescita, basata solo sul passaparola, la sua vera forza trainante. Un metodo che ha fondamentali facili e chiari. L’ architetto, l’ avvocato, il commercialista, il dentista, il parrucchiere, il consulente finanziario, l’assicuratore e tante altre categorie professionali che insieme condividono i loro contatti professionali e le sinergie lavorative. La parola magica che governa BNI è un vero molto semplice: “dare”. La sua filosofia, invece, è il “givers gain”, traducibile con un semplice: chi dà riceve. Con entusiasmo e con energia, ci troviamo davanti a una squadra di lavoro che segue un metodo di successo dove nulla è lasciato al caso, ma ogni passo viene studiato e condiviso per ottenere sempre un qualcosa in più. Il primo dicembre si comincia a fare sul serio anche a Segrate con un’inaugurazione in grande stile, non a caso in un posto considerato il cuore della città: il centro civico Giuseppe Verdi, a Segrate centro, nell’auditorium della struttura. Chi desidera saperne di più e avere maggiori informazioni, e se si ha voglia di unirsi a questo progetto, è possibile prendere contatti con il coordinatore e farsi invitare.  La mail di riferimento è: mariani@bni-italia.it. Se si vuole approfondire ulteriormente l’argomento, si può farlo anche sul sito internet ufficiale www.bni-milanosudest.it.



Scarica il PDF dell'edizione 34-2017 (9.3 MB)