11 Luglio 2019

La grata che cede e un volo di circa 13 metri nel vuoto. Roba da rimanere sull’asfalto privi di vita. Invece, il malcapitato si è salvato grazie a uno zaino.
L’incredibile episodio è accaduto lo scorso venerdì sera, intorno alle 23, nel parcheggio interno dell’ospedale San Raffaele. Un uomo di 53 anni era andato a trovare il figlio ricoverato nel nosocomio, e stava camminando sulla grata dei garage, che forma un vero e proprio vialetto. All’improvviso, la struttura ha ceduto e l’uomo è precipitato nel vuoto, fino a raggiungere il piano sotterraneo -3 del parcheggio interrato. A dare l’allarme sono stati il gestore dei garage e un paio di passanti che hanno sentito le urla e poi il violento tonfo. Ci sono voluti alcuni minuti prima di riuscire a capire da dove provenissero e cosa fosse successo. Una volta individutato, l’uomo è stato immediatamente soccorso. Le sue condizioni sono parse fin da subito gravi, ma non versava in pericolo di vita. Per lui immediato ricovero in terapia intensiva. È stato operato per stabilizzare la frattura del bacino, ha riportato inoltre la frattura di entrambi i talloni oltre a una serie di traumi in più punti del corpo.
A quanto pare, a salvarlo da complicazioni più gravi, se non totali, potrebbe essere stato lo zaino che portava sulle spalle e che avrebbe attutito l’impatto con l’asfalto. A cercare di fare chiarezza sull’accaduto e verificare eventuali responsabilità sarà la polizia di Stato, che si occupa del caso.



Scarica il PDF dell'edizione 26-2019 (13.8 MB)