19 Maggio 2017

La protezione civile di Segrate non si ferma più. Dopo il corso per volontari che ha visto la partecipazione di ben cento persone, nello scorso fine settimana le tute gialle si sono rese protagoniste di un’altra lodevole iniziativa, questa volta dedicata ai più piccoli. In accordo con la dirigenza dell’istituto Schweitzer, l’amministrazione comunale di Segrate e il corpo volontario, in collaborazione con i colleghi anche di altri Comuni, hanno allestito un vero e proprio campo all’interno della scuola. Gli obiettivi prefissati erano molteplici, tra cui la volontà di creare ancora maggiore affiatamento tra i ragazzi e passare una serata diversa e divertente, dormendo in tenda. Ma alla base anche il desiderio di sensibilizzare i giovani che hanno partecipato. A spiegare questo concetto è stato il sindaco Paolo Micheli che ha voluto portare un saluto ai suoi piccoli concittadini: «Questo campo, oltre che a fare passare un fine settimana tutti insieme serve anche per permettere ai nostri ragazzi di sperimentare dal vivo la delicata esperienza che da mesi vivono i loro coetanei del Centro Italia che sono stati purtroppo colpiti dal terremoto. Un modo per divertirsi, certo, ma anche per riflettere». La domenica i volontari, coordinati da Nunzio Brognoli, hanno invece spiegato agli studenti come ci si deve comportare e come muoversi in caso di emergenza, come ricercare persone con cani addestrati, come manovrare le idrovore e le motopompe, come si spengono gli incendi nei boschi, come si montano le tende da campo. Inoltre il gruppo sommozzatori di Segrate ha proiettato dei filmati dove ha fatto vedere come ci si comporta in acqua e quali sono i pericoli in caso di maltempo.