07 Giugno 2019

Dal 1 aprile le domande per ottenere l’assegno per il nucleo familiare per i lavoratori dipendenti di aziende del settore privato, e pure le eventuali domande di variazione, che finora erano presentate dal lavoratore dipendente al datore di lavoro utilizzando il modello “ANF/DIP”, dovranno essere inoltrate  all’INPS  esclusivamente in via telematica.
Questo per consentire il calcolo corretto dell’importo spettante al lavoratore e assicurare una maggiore aderenza alla normativa vigente in materia di protezione dei dati personali. A precisarlo è l’INPS con la circolare n. 45/2019, integrata dal messaggio n. 1430/2019.
L’invio telematico potrà essere fatto con le seguenti modalità:
Direttamente dagli interessati
mediante il servizio on line dedicato, utilizzando il PIN dispositivo, una identità SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) almeno di Livello 2 o la Carta Nazionale dei Servizi.
Tramite i Patronati
Tramite i Consulenti del lavoro
Dal 1 luglio 2019 gli importi degli assegni familiari dovranno essere ricalcolati per tutti, indicando i redditi percepiti nell’anno 2018. Pertanto è opportuno che i dipendenti siano a conoscenza delle nuove modalità operative e si attivino quanto prima.
Gli importi calcolati dall’Istituto saranno messi a disposizione del datore di lavoro, che prenderà visione attraverso una utility presente nel Cassetto previdenziale aziendale, con specifica indicazione del codice fiscale del lavoratore.
Il Ministero del Lavoro ha confermato che i Consulenti del Lavoro saranno abilitati alla trasmissione della domanda di ANF, quindi il nostro Studio si attiverà per fornire il suddetto servizio.
 



Scarica il PDF dell'edizione (4.8 MB)