06 Luglio 2018

Cernusco rientra di prepotenza nel novero dei Comuni più abili a compiere la raccolta differenziata. La conferma arriva dal XXV rapporto Comuni ricicloni di Legambiente, presentato a Roma nei giorni scorsi. Era dal 2015 che la città giardino della Martesana non riusciva a ottenere un risultato così importante, poiché gli obiettivi per entrare in classifica sono diventati sempre più stringenti, adeguandosi al panorama della gestione dei rifiuti in Italia che è mutato molto nel tempo. Ora i risultati sono tornati più che confortanti: a livello di classifica generale Cernusco è 412esima, mentre è quinta tra i comuni lombardi sopra i 15mila abitanti; delle 134 amministrazioni di Città Metropolitana, solo 19 rientrano tra i Comuni rifiuti free (cioè dove la raccolta differenziata funziona correttamente) e Cernusco è 14esima, unica realtà sopra i 20mila abitanti. «Se ripenso alla scelta fatta a giugno 2016 di intervenire sulla raccolta rifiuti con il progetto sperimentale Ecuosacco di Cem e a tutta l’energia messa in campo insieme agli uffici per attuarla» ha dichiarato il sindaco Ermanno Zacchetti, «non posso che essere contento per la bontà della nostra strategia a lungo termine». Soddisfatto anche il vicesindaco Daniele Restelli, che ha anche la delega all’Ecologia: «Questo riconoscimento ci stimola a continuare a migliorare collaborando, ad esempio, con le scuole attraverso interventi educativi che aumentino ancora di più la sensibilità dei ragazzi, che sono i migliori agenti di cambiamento nei comportamenti delle famiglie, e inserendo anche in alcuni luoghi pubblici molto frequentati dei cestini stradali per la raccolta differenziata».



Scarica il PDF dell'edizione 25-2018 (10.3 MB)