14 Settembre 2018

“Un lavoro di rete” o, per dirlo in altri termini, una “caccia al tesoro”. Così l’assessore alla Cultura Mariangela Mariani, durante la conferenza stampa che si è tenuta martedì mattina, ha definito le Giornate Europee del Patrimonio che per il nono anno consecutivo vedranno Cernusco sul Naviglio in prima linea nella promozione dei beni culturali e paesaggistici. Dal 22 al 30 settembre, una serie di iniziative che coinvolgeranno altri sei Comuni limitrofi (Carugate, Cassina de’ Pecchi, Gorgonzola, Cassano d’Adda, Inzago e Pozzuolo) più una decina di associazioni, per dare risalto alle eccellenze del territorio Adda Martesana: un lavoro di squadra, per la prima volta, grazie all’adesione della città all’Ecomuseo Martesana, che ha dato l’impulso e coordinato le innumerevoli proposte turistiche. «Siamo felici di accogliere un Comune così importante come Cernusco nella nostra rete» le parole di Carlo Cella, presidente di Ecomuseo, presente alla conferenza insieme al coordinatore Benigno Calvi. «Sono di Milano e spero che i milanesi scoprano sempre più le bellezze da cui sono circondati».
Vasta come sempre l’offerta di iniziative sul territorio cernuschese che avranno come denominatore comune il tema delle Giornate Europee: l’incontro tra passato e futuro. Accanto alla valorizzazione delle tradizioni agricole simboleggiate dal grande cedro del Libano nel parco Taverna di Ronco, sarà infatti possibile visitare anche la moderna installazione artistica intorno all’area verde, parte del progetto Habitat Scenari Possibili. Non mancherà poi la collaborazione con il Fai e con le scuole del territorio, grazie in particolare alle visite guidate ad opera dei ragazzi dell’Itsos Marie Curie. Novità di quest’anno, poi, le visite in lingua inglese e in dialetto, ma anche per bambini. «Ancora una volta Cernusco può essere protagonista con le sue ville, i suoi parchi, le corti e il fascino di Villa Alari ristrutturata», il commento del sindaco Ermanno Zacchetti. Il programma completo lo potrete trovare sul sito del Comune.
Francesca Lavezzari



Scarica il PDF dell'edizione 28-2018 (11.7 MB)