26 Ottobre 2018

PizzAut, siamo alla stretta finale. Il progetto portato avanti da Nico Acampora, che prevede una pizzeria interamente gestita da ragazzi autistici è sempre più realtà. «Oramai ci siamo quasi» racconta Acampora. «In questo momento il problema principale è trovare il locale giusto. Servirebbe piuttosto ampio perché la sera farebbe da pizzeria e di giorno diventerebbe un’accademia sulla ristorazione legata all’autismo. Inoltre dovrebbe trovarsi in un luogo facilmente raggiungibile con la metroplitana per farli arrivare in autonomia. A portarli a casa la sera, invece, ci sarà un servizio di trasporto». A quanto pare Cassina de’ Pecchi sarebbe in pole position.



Scarica il PDF dell'edizione 34-2018 (9.7 MB)