06 Luglio 2018

Sono giunti in città i nove Piccoli Ambasciatori di Pace, ospiti dell’associazione Shanti Sahara di Cernusco sul Naviglio. Direttamente dal Sahara Occidentale, mercoledì sono atterrati a Malpensa nove bambini, di età compresa tra i 6 e i 12 anni, che riceveranno in Italia cure, percorsi sanitari e svago a cui nel loro Paese non hanno possibilità di accedere. I piccoli, infatti, sono tutti portatori di disabilità e vivono nei campi profughi Saharawi. Da diversi anni, l’associazione Shanti Sahara si occupa di loro attraverso progetti di sostegno sanitario in Italia e sul campo. I bambini sono nati e cresciuti in esilio, vivono in campi profughi, spesso in precarie condizioni igieniche; sono inoltre affetti da problematiche sanitarie invalidanti e spesso malnutriti. Dove risiedono, infatti, non c’è acqua corrente né elettricità, spesso scarseggiano cibo e medicine, e mancano professionisti sanitari che possano seguirli in percorsi diagnostici, curativi e/o riabilitativi. In quest’ottica si colloca il progetto Accoglienza estiva Piccoli Ambasciatori di Pace con cui, da quattro anni a questa parte, vengono ospitati a Cernusco gruppi di bimbi, allo scopo di offrire loro un sostegno che non potrebbero avere in altro modo. Gli ospiti di quest’anno sono affetti, in particolare, da problematiche neurologiche, quali epilessia, tetraparesi o danni da sofferenza perinatale; c’è anche una bimba affetta da disturbi ortopedici. Tutti saranno visitati da medici e sottoposti a cure per il miglioramento della loro condizione. Per prepararsi al meglio alla loro accoglienza, il gruppo di volontari dell’associazione ha organizzato per sabato 30 giugno e domenica 1 luglio un fine settimana di volontariato, in collaborazione con il Servizio Civile Internazionale: due giornate all’insegna della solidarietà e dell’aiuto reciproco presso la scuola Manzoni allo scopo di preparare e rendere operativa la struttura. Proprio in via Manzoni, infatti, sono stati accolti e saranno ospitati i piccoli per tutto il mese di luglio. I volontari hanno pulito gli spazi di accoglienza, come la palestra, i bagni e la cucina, preparato e allestito letti, armadi, spogliatoi per i bambini e si sono occupati di numerosi altri piccoli dettagli. Tantissime le realtà locali e le associazioni che stanno dando una mano, iniziando dal Comune di Cernusco che ha messo a disposizione gli spazi. Presente anche la sezione locale della protezione civile, che ha aiutato nell’allestimento della scuola e fornirà sostegno durante il trasporto dei piccoli, l’associazione Ecce Mamma, la Caritas e il Fatebenefratelli per la fornitura dei pasti, gli Amici del Tempo Libero che metteranno a disposizione il pullmino e lo spazio cucina, il Gruppo alpini per la fornitura dei generi alimentari, Enjoy Center per l’utilizzo della piscina, e tante tante altre ancora. Un aiuto è stato chiesto anche alla cittadinanza, affinché chi potesse fornisse biancheria intima, vestiti estivi, spazzolini e dentifricio, cibo di vario tipo e materiale di prima necessità di qualsiasi genere che, peraltro, è ancora possibile donare. Chi vuole, può portare il tutto presso la scuola primaria in via Manzoni, scrivere o chiamare l’associazione al numero 340.5792648.
Eleonora D’Errico



Scarica il PDF dell'edizione 25-2018 (10.3 MB)