05 Luglio 2019

Ci sono persone che, nel mezzo del cammino della loro vita, riescono a scavare in fondo alle loro passioni e a trovare la loro strada professionale a dispetto di tutto e tutti. È il caso della peschierese Roberta Gerli, titolare della Gerli Music Management, un’agenzia che promuove, gestisce e sviluppa l’attività di musicisti italiani e stranieri, sia in Italia che all’estero, occupandosi della loro immagine artistica, dello sviluppo delle loro attività in ambito teatrale, televisivo e musicale, e dell’organizzazione di concerti. «Sono nata a strettissimo contatto con la musica in quanto mio padre era un musicista amatoriale», racconta l’imprenditrice. «Purtroppo, però, i miei genitori non mi hanno mai voluto iscrivere al Conservatorio perché ritenevano che non fornisse una cultura di base sufficiente. Così, ho dovuto accantonare il mio sogno e ho intrapreso un percorso accademico totalmente differente che mi ha portato a diventare architetto e a specializzarmi in diversi settori di quel mondo. È stato solo 5 anni fa, quando ormai mi ero affermata a livello professionale, che ho deciso di riprendere in mano uno strumento». Da quel momento Gerli si immerge nel mondo della musica come non aveva mai fatto. Studia chitarra e canto insieme a Giordano Gambogi, musicista affermato, e lo aiuta a organizzare serate di musica live presso il Papataso, locale di San Bovio di cui diventa presto direttrice artistica. «Ho scoperto così di avere una particolare predisposizione nell’organizzazione di concerti e di poter fare quello che mi ero sempre negata», continua la titolare. «Mi sono impegnata fin da subito, ho messo da parte il mio studio di architettura e ho studiato l’ambiente cercando di capire chi erano i miei concorrenti e le dinamiche che regolano questo fantastico mondo. Ho capito immediatamente che non sarebbe stato facile e che avrei dovuto contare solo sulle mie forze, ma la mia capacità di stringere relazioni e ottenere contatti è stata fondamentale per la partenza di questo progetto». Al momento la Gerli Music conta una trentina di artisti tra le sue fila. Rock, jazz, funky, dj set, la musica proposta dalla manager copre moltissimi generi e si adatta a qualunque tipo di situazione, dai concerti nei locali ai matrimoni, dagli eventi aziendali ai grandi show di rilievo. «Posso contare sulla collaborazione di tribute band fra le migliori in circolazione, di artisti affermati come Gigi Cifarelli e Giorgio Di Tullio, e di musicisti emergenti di grandissimo talento», spiega la peschierese. «Lo so, mi sono gettata in un mondo di squali in cui è facile prendere porte in faccia, ma credo che col tempo la mia determinazione e la mia passione possano darmi la possibilità di togliermi soddisfazioni». E a giudicare dai concerti a cui sta partecipando e dai progetti che sta portando avanti sembrerebbe così. La famosa catena Star Hotels le sta dando fiducia con una serie di serate che stanno avendo molto successo, tanti locali si affidano a lei per la musica live, il teatro dei filodrammatici di Treviglio l’ha cercata per una serata che l’ha introdotta in quell’ambito artistico e, dulcis in fundo, l’organizzazione dell’Estate Sforzesca, rassegna di rilevanza nazionale che si svolge nel celebre Castello milanese, l’ha contattata per organizzare due serate, una andata in scena il 15 giungo scorso e una rock in programma il 31 luglio con artisti del calibro dei Dandy e le bestie, band nata dai musicisti degli Skiantos, e di Omar Pedrini.
Mattia Rigodanza



Scarica il PDF dell'edizione 25-2019 (12.0 MB)