11 Maggio 2018

Nei giorni scorsi, nel Parco dei bambini e delle bambine di Chernobyl, i Dirty Balords hanno realizzato un murales dedicato a Peppino Impastato. «È come se la città parlasse attraverso i suoi muri» spiega l’assessore Jessica D’Adamo. «Un’opera d’arte per lasciare un segno su temi importanti, come la lotta alla mafia, ancora più significativa nella nostra città, dove la criminalità aveva affondato le sue radici, per ribadire che Pioltello non è cosa loro. Farlo con l’immagine di Peppino Impastato di cui in questi giorni ricorre il quarantennale della sua morte e a cui in autunno dedicheremo gli incontri della rassegna Legalmente, è importante, oltre che coerente con il suo modo di essere, visto, che attribuiva un valore altamente educativo alla bellezza, all’arte e alla testimonianza, anche originale e provocatoria.



Scarica il PDF dell'edizione 17-2018 (9.7 MB)