11 Gennaio 2019

Regali di Natale ritardati, ma pur sempre ben accetti: un nuovo pick-up e un defibrillatore. Inizia così il 2019 per il gruppo pioltellese della protezione civile. Lunedì, nella piazza del Comune, si è tenuta la cerimonia di consegna delle chiavi del nuovo mezzo e della nuova attrezzatura, alla presenza delle autorità e della famiglia di Massimiliano Bacchetta, il volontario prematuramente scomparso la scorsa estate.
Se il pick-up è stato infatti dato in dotazione dall’amministrazione comunale, il nuovo Dae è stato donato proprio dalla famiglia Bacchetta, presente all’evento con i genitori di Massimiliano e la figlia Greta.
«La protezione civile merita un grazie speciale» ha commentato il sindaco Ivonne Cosciotti. «Con loro abbiamo la certezza di sentirci accompagnati quando accadono eventi gravi, come in caso di piogge forti o, come accaduto quasi un anno fa, per tragedie come il deragliamento di un treno. Sono cose che non dovrebbero succedere, ma quando capitano abbiamo la sicurezza che qualcuno saprà dirci cosa fare. Questi uomini, che sono tutti volontari, hanno capacità e competenze davvero professionali. E un altro grosso grazie va alla famiglia Bacchetta, che dona oggi questa attrezzatura, testimonianza dell’impegno di Massimiliano per la comunità e la città».
«Oltre al lavoro, essere volontario era la sua grande passione» ha aggiunto Alessio, il papà di Massimiliano. «che gli ha permesso di mettersi al servizio della cittadinanza e di creare grandi amicizie».
Il nuovo anno, dunque, si apre all’insegna degli investimenti. Il nuovo mezzo amplia quelli in dotazione al corpo di volontari, permettendo un maggiore presidio del territorio e capacità di intervento in caso di emergenza. «Con questo pick-up integriamo il parco auto della protezione civile e della polizia locale, composto da circa una ventina di veicoli» ha commentato il comandante dei vigili, Lorenzo Mastrangelo. «A ciò si aggiunga che recentemente il corpo di volontari è stato dotato di nuove attrezzature quali motoseghe, idranti e nuove divise». Per l’anno appena cominciato, inoltre, ci sono altre novità in programma, come annunciato dal vicesindaco con delega alla protezione civile Saimon Gaiotto. «L’idea è quella di dotare i due corpi di un drone che possa garantire un maggiore controllo e pattugliamento del territorio. E continueremo a investire sulla formazione di questi uomini, perché il loro ruolo è fondamentale e perché qualsiasi cosa accada sappiano sempre come agire».
Eleonora D'Errico



Scarica il PDF dell'edizione 1-2019 (11.4 MB)