26 Ottobre 2018

Erano un centinaio le persone che lunedì mattina, primo giorno di apertura, si sono messe in coda al nuovo Sportello Lavoro, gestito dal personale dell’Agenzia Afol Metropolitana. La conferma che trovare un’occupazione resta il principale pensiero della gente. Questo sportello, infatti, punta a mettere in rete domande e offerte e, per quanto possibile, farle incontrare anche grazie all’aiuto di un’adeguata formazione e orientamento. Il servizio è a disposizione di persone di qualsiasi età,  in cerca di essere ricollocate nel mondo del lavoro o più semplicemente di un primo impiego. «Il personale dello Sportello farà un’importante attività di marketing aziendale rivolta alle attività produttive operanti nel Comune» spiega l’assessore alle Politiche Attive del Lavoro Viviana Mazzei, «finalizzata a rilevare i profili giusti da proporre alle imprese a seconda delle esigenze». È evidente che molte speranze di chi cerca lavoro sono riposte nell’arrivo di Westfield, il mega centro commerciale che sicuramente potrà aprire una serie di opportunità anche se pare difficile quantificarle in numero.
E la conferma arriva anche dalle parole del sindaco Paolo Micheli: «Il nuovo Sportello Lavoro vuole essere un punto di riferimento per i segratesi in cerca di occupazione o per le imprese del territorio che offrono posti di lavoro, anche in vista di nuove opportunità occupazionali delle aziende che si insedieranno in futuro in città». Sabato mattina si è tenuto un Open Day dove la cittadinanza ha potuto comprendere come funzionerà questo servizio, mentre 48 ore dopo si è tenuta la sua apertura ufficiale. I numerosi servizi che la struttura offre si possono consultare sulla pagina internet ufficiale del Comune. Questi invece i giorni di apertura al pubblico: lunedì 9-13 libero accesso informazione e accoglienza preselezione, 14-17 su appuntamento preselezione; giovedì     9-13 su appuntamento preselezione, 14-18 su appuntamento orientamento preselezione; venerdì 9-13 su appuntamento orientamento preselezione.



Scarica il PDF dell'edizione 34-2018 (9.7 MB)