05 Luglio 2019

Era stato arrestato poche ore dopo  una tentata rapina ai danni di un ristorante giapponese sulla Cassanese, a Segrate. I carabinieri, dopo un’indagine durata 8 mesi, appurarono che la sera prima si era anche reso protagonista di un omicidio ai danni di un transessuale peruviano, a Cinisello Balsamo. E per questo reato Giovanni A., netturbino segratese 43enne, rischia 20 anni di galera. A chiederli è stato il pm Vincenzo Fiorillo. A incastrarlo un’impronta parziale rinvenuta sul luogo del delitto, ma soprattutto la penna pistola con cui aveva ucciso il trans. La stessa che aveva usato per la rapina e che aveva abbandonato nel locale, dopo che il ristoratore aveva reagito aggredendolo a sua volta con un coltello.



Scarica il PDF dell'edizione 25-2019 (12.0 MB)