06 Settembre 2019

Un fine agosto tragico per Segrate. Lo scorso lunedì pomeriggio un bulgaro di 49 anni è annegato nelle acque della cava del Centroparco. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo si trovava sulla riva insieme ad alcuni connazionali. Incurante dei cartelli che indicano il divieto di balneazione ha deciso di fare un tuffo per rinfrescarsi. Ma dal laghetto non è più riemerso. A dare l’allarme sono stati proprio i suoi amici. Sul posto si sono portati i sommozzatori dei vigili del fuoco che si sono immersi nel laghetto artificiale, recuperando dopo una breve ricerca il corpo senza vita dello straniero. Già due anni fa, sempre in agosto, si registrò una tragedia simile. A fare un bagno notturno fu un ucraino di 28 anni e, anche in quel caso, non riemerse più.



Scarica il PDF dell'edizione 27-2019 (4.3 MB)