10 Febbraio 2017

La Residenza San Rocco Anni Azzurri di Segrate è in festa per la signora Adele Bonetti che mercoledì 8 Febbraio ha soffiato su ben centoquattro candeline.
Nata l’8 febbraio del 1913, la supernonna vive nella nostra residenza già da cinque anni. Nativa di Milano, faceva la stenodattilografa e ci tiene a sottolineare il fatto di non essersi mai maritata.
Ha sempre abitato con sua mamma che, finché è stata in vita, ha sempre provveduto affiché non le mancasse nulla. Quando tornava a casa dal lavoro non aveva bisogno di cucinare, trovava tutto in ordine e il piatto pronto, così la cara Adele confessa di non saper cucinare neanche la classica cotoletta alla milanese. Adele ha avuto tanti fidanzati, ma, essendo una persona molto esigente nelle sue scelte, nessuno di questi legami si è mai trasformato in una storia abbastanza seria e duratura da convincerla ad arrivare all’altare. Nonostante abbia passato il secolo, nonna Adele è ancora lucida e vitale, del resto ha sempre avuto un carattere molto forte. “L’età non è importante, ha raccontato, io dichiaro sempre di avere settant’anni e non sento il peso della vecchiaia”. Adele trascorre la giornata chiacchierando piacevolmente con le amiche e partecipando attivamente ai vari eventi organizzati nella RSA San Rocco. Veste in modo giovanile, in primavera le piace per esempio indossare gonne di jeans, ha sempre i capelli in ordine grazie anche all’appuntamento fisso con la parrucchiera e la manicure che ogni settimana si prendono cura di lei.
Tanti auguri quindi a nonna Adele dalla nostra Direttrice Silvia Cavenati, dalle educatrici Silvia e Nicoletta e da tutti gli operatori della grande famiglia della Residenza San Rocco Anni Azzurri.
Silvia Pentrella (educatrice)



Scarica il PDF dell'edizione (4.8 MB)