08 Aprile 2016

La Residenza Anni Azzurri San Rocco è nata per dare risposte efficaci a un’esigenza sempre più sentita nella realtà di oggi: l’assistenza agli anziani. Il suo successo è funzione non solo della competenza messa in campo in tutti i settori operativi, ma anche dei valori di cui il servizio animativo si fa portatore: la centralità della persona e la cultura del servizio. Nella Residenza Anni Azzurri San Rocco, l’attenzione verso l’ospite non è posta solo su contenuti di tipo assistenziale e sanitario, bensì anche su modalità di intervento non farmacologico, che incentivino l’attivazione ed il mantenimento di capacità cognitive, sociali, motivazionali e relazionali, spesso trascurate o invalidate dalla malattia, attraverso programmi elaborati dall’equipe per la gestione dell’individualità nel gruppo.
É proprio in questa propensione concettuale che noi educatori strutturiamo le attività animative, dove l’ospite diventa il centro di un “intervento globale”, nel quale la vita quotidiana viene strutturata per orientare ogni sua azione, in base alle sue esigenze, così da renderlo protagonista del proprio tempo. 
I progetti attuati dagli educatori della Residenza Anni Azzurri San Rocco sono uno strumento per “fare insieme”, finalizzati al benessere psicofisico della persona, evitando ogni forma di frustrazione. L’esecuzione delle attività infatti non segue regole fisse ma si adatta alle persone; si organizza un ventaglio di proposte che diano all’anziano la possibilità di scegliere quelle più adatte alla sua inclinazione.
Gli eventi della Residenza rispettano le scansioni cronologiche delle stagioni, degli avvenimenti storici, dei riti liturgici, tenendo presente il variare dell’utenza e delle condizioni cliniche e di demenza degli ospiti.
Il ritmo di conduzione dell’incontro prevede pause adatte a mantenere un buon livello di attenzione e a dar rilevanza alle riflessioni dei partecipanti valorizzandone il ricordo, lo stato emotivo e lo stato di salute. Nelle attività occupazionali si propongono compiti sia già consolidati nella loro memoria sia basati su stimoli per l’apprendimento e il recupero di abilità residue. La Residenza fornisce, per le attività di animazione, luoghi ampi ma non dispersivi, ben illuminati e gradevoli.
Per valorizzare e valutare i progetti animativi, periodicamente vengono organizzate mostre pittoriche, esposizioni dei manufatti di laboratorio con mercatini di oggettistica, incontri dedicati alla memoria con scuole del territorio ed eventi a carattere sociale che rappresentano un momento importante di gratificazione dell’anziano. Questi si sente di conseguenza ancora valido, capace ed emozionabile globalmente.
Le educatrici hanno voluto creare un clima familiare all’interno della residenza Anni Azzurri San Rocco, coinvolgendo in primis gli ospiti e poi i parenti, i bambini delle scuole e dell’oratorio, i volontari AVO di Segrate e gli operatori interni alla struttura.
Le attività animative svolte si rivolgono al gruppo ed al singolo. Le prime sono attività mirate a gruppi di ospiti che condividono gli stessi interessi. L’obiettivo è sfruttare una base comune di lavoro che favorisca la collaborazione e la socializzazione tra i destinatari, in modo che nasca un dialogo e un rapporto amicale continuo. In base alle loro capacità, gli ospiti della RSA si divideranno i compiti, si daranno consigli, faranno critiche e valutazioni finali sull’elaborato, lavorando “fianco a fianco”. Tra queste attività di gruppo è bene menzionare la musicoterapia, la pet-therapy, l’ortoterapia e il giocodanza.
Le attività rivolte al singolo si riferiscono a progetti mirati, che si basano sulle inclinazioni personali dell’ospite che spesso tende a isolarsi socialmente. Queste  sfruttano interessi molto motivanti e gratificanti, poiché legati alla vita lavorativa e/o familiare precedente al ricovero della persona. Alcuni ospiti lavorano a maglia, altri dipingono, altri effettuano ricerche letterarie a tema per scrivere racconti.
I progetti individuali si rivolgono anche  a ospiti con esigenze determinate dal decorso della malattia, come nei casi di SLA, stati vegetativi o di gravissimo decadimento cognitivo e motorio. Ogni progetto ha un sua peculiarità e viene effettuato settimanalmente e variato in base alle esigenze dell’ospite.
Alla San Rocco periodicamente vengono realizzati incontri festivi aperti alla cittadinanza. Queste occasioni diventano fonte di godimento, gioia e di divertimento spontaneo, in cui l’evento diventa attività sociale, che consente l’apertura e lo scambio con il territorio. Si coglie quindi l’occasione per invitare famiglie, scolaresche e bambini a partecipare alla festa per trascorrere momenti gioiosi in compagnia.
Quindi l’obiettivo principale di noi educatori è far sì che l’anziano si senta come a casa perché la nostra Residenza è il luogo dove la storia di una vita incontra tante altre storie e dove la vita continua.

Residenza
Anni Azzurri San Rocco
Via Monviso, 87 (Segrate)
Tel. 02.26.95.23.23
Numero verde
800.131.851
www.anniazzurri.it



Scarica il PDF dell'edizione (4.8 MB)